Scuola e precarietà: Adl Cobas non sta a guardare

SCUOLA E PRECARIETÀ – ADL COBAS NON STA A GUARDARE

Come ADL Cobas annunciamo che il 21 maggio abbiamo indetto lo stato di agitazione di tutto il personale del comparto Scuola, raccogliendo la richiesta del Coordinamento Precari della Scuola Autoconvocati e di molti altri coordinamenti di lavoratrici e lavoratori della scuola.

Andremo allo SCIOPERO GENERALE!

Chiediamo al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte di non dimenticarsi delle centinaia di migliaia di precari che in tutti questi anni hanno portato avanti la scuola pubblica.

E’ arrivato il momento della stabilizzazione.e non di concorsi che non vanno a sopperire le carenze d’organico.

Sciopereremo per:

– il ritorno alla didattica in presenza in assoluta sicurezza
– la stabilizzazione di tutto il personale della scuola con almeno 36 mesi di servizio (come prevede la direttiva Europea 70/99)
– l’internalizzazione dei servizi educativi
– per l’adeguamento salariale di tutto il personale nel rinnovo del CCNL del comparto scuola con aumenti fino al raggiungimento della media dei salari europei.

Chiediamo ;
– maggiori finanziamenti per l’edilizia scolastica, per garantire più sicurezza sul lavoro a lavoratrici, lavoratori e studenti..
– aumento degli organici
– riduzione del numero degli studenti per classe
– ripristino dei fondi tagliati
– mantenimento dell’orario cattedra

Siamo contro:
– l’intenzione concreta di dare avvio alla procedura concorsuale nel mese di agosto 2020.

Per questo nei prossimi giorni proclameremo uno Sciopero Generale a chiusura delle attività scolastiche indicando le modalità dello sciopero.

Facciamo appello agli altri sindacati conflittuali di convergere sulla data dello sciopero.

Per ADL Cobas
Fulvia Difonte
Sara Valente

Milano 23 maggio 2020

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •