Tutela della salute e prevenzione per le lavoratrici delle pulizie dell’ospedale di Alessandria!

Tutela della salute e prevenzione per le lavoratrici delle pulizie dell’ospedale di Alessandria!

Questa mattina il sindacato ADL Cobas ha compiuto la prima importante azione a sostegno delle lavoratrici del settore pulizia e sanificazione dell’Ospedale di Alessandria. E’ stata infatti inviata una lettera formale – indirizzata all’azienda Team Service (multiservizi che ha ricevuto l’appalto del settore), all’Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo di Alessandria, allo S.Pre.S.A.L. e alla Prefettura di Alessandria – per lamentare le scandalose mancanze nei confronti delle lavoratrici per quel che riguarda la tutela sanitaria in un momento particolarmente delicato come quello che il Paese sta affrontando, a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19. Chiediamo che vengano presi con urgenza provvedimenti a favore delle lavoratrici che stanno contribuendo con sacrificio a rendere le strutture sanitarie luoghi più sicuri per tutte e tutti.

In particolare chiediamo:

– Tamponi o test sierologici per tutte le lavoratrici, che dall’inizio della pandemia ad oggi non sono mai state sottoposte ad una verifica delle proprie condizioni di salute.
– Dispositivi di protezione individuale in numero sufficiente per garantire la sicurezza delle pulitrici e l’efficienza del loro lavoro.
– Trasferimento degli spogliatoi delle dipendenti Team Service che attualmente si trova all’interno del percorso di isolamento in cui vengono trasportati i pazienti positivi al Covid 19 che arrivano in ambulanza.

Non garantire le condizioni di sicurezza per le lavoratrici non significa solo calpestare i loro diritti, ma anche mettere a repentaglio la struttura sanitaria nella sua interezza e tutte le persone che la attraversano.
Questa lettera è stata un primo passo, restiamo in attesa di una risposta da parte degli enti coinvolti, convinte e determinate nel portare questa battaglia fino in fondo!

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •