Il trasporto pubblico dopo la pandemia

Probabilmente dopo il 3 maggio anche per il trasporto pubblico locale si dovranno ripensare ancora una volta frequenze, disposizioni, comportamenti. Ma sopratutto si dovrà ipotizzare se non vogliamo ricadere nel pieno dell’epidemia nuove forme di spostamento, nuove modalità di fruizione dei mezzi pubblici, nuovi orari e nuovi comportamenti da parte

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continua a leggere

Non siamo lavoratori di serie B

Ci abbiamo provato, e non siamo stati i soli a provare a chiedere a Busitalia di applicare lo stesso trattamento applicato ai lavoratori messi in cassa integrazione in ferrovia anche ai lavoratori del trasporto pubblico locale, ma ovviamente non ne hanno voluto sapere . Ci abbiamo provato noi, ma soprattutto

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continua a leggere

Busitalia Veneto: Coronavirus e salute

In questo momento di grande confusione, di scelte difficili, di modifiche continue del nostro modo di vivere e di agire diventa difficile per tutti ipotizzare il futuro, o pensare all’avvenire oltre alla necessità di garantire la salute e la sicurezza nostra e dei nostri familiari. Come dipendenti del trasporto pubblico

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continua a leggere

6 milioni di investimenti per il TPL? Vogliamo investimenti anche per i lavoratori!

Apprendiamo dai giornali molte novità in merito al trasporto pubblico, novità certamente positive per l’utenza e per chi spera sempre in un trasporto pubblico migliore, puntuale ed efficiente, quello che ancora una volta manca negli investimenti di questa azienda è l’investimento da fare sul personale, ancora una volta non si

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continua a leggere