Il Brasile verso il ballottaggio: oltre le elezioni i settori oppressi dovranno continuare ad organizzarsi contro un nemico dichiarato (Bolsonaro) o mascherato (Lula) Intervista a Fabio, attivista di CSP-Conlutas

Il Brasile verso il ballottaggio: oltre le elezioni i settori oppressi dovranno continuare ad organizzarsi contro un nemico dichiarato (Bolsonaro) o mascherato (Lula) Intervista a Fabio, attivista di CSP-Conlutas

DI CHRISTIAN PEVERIERI

TRATTO DA GLOBALPROJECT.INFO

Le recenti elezioni presidenziali in Brasile hanno mostrato la fotografia di un paese spaccato a metà, differente da quello prospettato da pressoché tutti i sondaggi. Preoccupati dalle voci di un possibile colpo di stato dei militari, non ci si è resi conto che la vera minaccia era rappresentata dal radicamento nel territorio del bolsonarismo. Infatti, pur vincendo, Lula non ha sfondato mancando l’elezione al primo turno per poco. Bolsonaro, d’altro canto, è riuscito a far convergere su di sé tutto il variegato mondo della destra, militare e capitalista, del paese.

Nell’ottica di approfondire “desde abajo” le motivazioni che hanno dato luogo a questi risultati elettorali e i possibili scenari futuri verso l’appuntamento del ballottaggio del 30 ottobre, Global Project propone due interviste ad altrettanti attivisti militanti dei movimenti sociali brasiliani che spaziano da una posizione più autonoma e di movimento a una posizione pro Lula. La prima di queste interviste è a Fabio, attivista dell’organizzazione sindacale CSP-Conlutas (Central Sindical e Popular Conlutas), organizzazione impegnata nella difesa dei diritti del lavoro, ma non solo, e nella cooperazione internazionale con la rete Internacional Labour Solidarity che proprio recentemente ha portato aiuti umanitari alla popolazione ucraina colpita dalla guerra.

I risultati elettorali hanno mostrato una grande tenuta di Bolsonaro e un paese spaccato a metà. Quali sono secondo te le ragioni di questo risultato? Vi aspettavate che il presidente ottenesse così tante preferenze considerato quanto ha fatto durante il suo mandato?

La polarizzazione politica è un fenomeno che si verifica in diversi paesi. È generalmente dovuto alla crisi economica, al discredito nei confronti del regime democratico liberale e dei partiti politici tradizionali e alla mancanza di prospettive per un futuro migliore per i lavoratori. In Brasile, l’attuale presidente Jair Bolsonaro è riuscito a occupare lo spazio politico dei tradizionali partiti borghesi di destra unendo l’estrema destra intorno a lui: tra gli altri settori ci sono i capitalisti dell’agroalimentare, minerario e del legname che traggono profitto dalla devastazione dell’Amazzonia e dei popoli indigeni; parlamentari corrotti; cristiani ultra-conservatori; personale di polizia e militare; e persino la mafia delle milizie di Rio de Janeiro. Questo gli ha permesso di creare una base sociale ed elettorale che rappresenta un brasiliano su tre e che, indipendentemente dall’eventuale sconfitta al secondo turno delle elezioni del 30 ottobre, rimarrà un’alternativa autoritaria per i capitalisti. Bolsonaro ha anche beneficiato di un voto contro Lula e il PT (Partito dei Lavoratori) che ha ampliato il suo risultato, una mossa che non era stata presa in considerazione dai sondaggi elettorali.

In queste settimane anche qui in Italia sono giunte voci di un possibile colpo di stato militare qualora avesse vinto Lula. Pensate persista ancora il rischio se dovesse vincere Lula al secondo turno?

Il presidente Bolsonaro e i suoi sostenitori difendono il ritorno del regime militare che ha governato il Brasile dal 1964 al 1984. Ma non hanno ottenuto il sostegno dei grandi capitalisti per il loro progetto autoritario, il che rende difficile avere successo in un colpo di stato militare. I grandi capitalisti preferiscono, in questo momento, un governo Lula in alleanza con i rappresentanti tradizionali della destra borghese (come nel caso del suo vicepresidente Geraldo Alckmin) per evitare lo scoppio di grandi lotte sociali. Lula ha il sostegno della maggior parte dei sindacati e dei movimenti sociali. Naturalmente, se c’è una rivolta sociale nel paese, questi grandi capitalisti si affidano a Bolsonaro e all’estrema destra per combattere le lotte operaie e popolari e impedire un cambiamento sociale che colpisce i loro interessi.

Nelle dichiarazioni post voto Lula si è dimostrato fiducioso e ottimista rispetto a una possibile vittoria. Tu cosa ne pensi?

La maggior parte degli analisti politici ritiene che la vittoria di Lula si basi sulla differenza di sei milioni di voti al primo turno. Le dichiarazioni di sostegno a Lula da parte dei candidati borghesi che sono arrivati al terzo e quarto posto e le elezioni in cui Lula appare con il 51% confermano questo favoritismo. La vittoria di Lula è l’ipotesi più probabile.

Sul tema dei diritti, delle donne, delle minoranze, delle popolazioni indigene, dei lavoratori ci sono due visioni opposte tra i due candidati. Quali conquiste può determinare la vittoria di Lula e al contrari a quali rischi si va incontro dovesse vincere Bolsonaro?

Bolsonaro si oppone ai diritti delle donne, delle persone LGBT e dei neri e crede che i diritti della classe operaia e dei popoli indigeni siano ostacoli alla crescita economica. È un nemico dichiarato dei settori oppressi. Lula è diverso. Si presenta come un difensore dei diritti degli oppressi, ma il suo mandato presidenziale è irto di misure contro i lavoratori. Una delle sue prime misure è stata quella di attuare una riforma delle pensioni per ridurre i diritti pensionistici dei dipendenti pubblici nel 2003. Lula si alleò con la Chiesa cattolica e non sostenne la legalizzazione dell’aborto.

Nel 2005 Lula ha approvato una legge sulla droga che ha triplicato l’incarcerazione del paese raggiungendo più di 600.000 prigionieri, per lo più poveri e giovani neri. La deforestazione in Amazzonia è cresciuta nel suo mandato. Queste politiche rappresentano una battuta d’arresto anche se ci sono stati alcuni risultati importanti come le politiche affermative per i neri e le popolazioni indigene per entrare nelle università pubbliche e la titolazione delle terre delle popolazioni afrobrasiliane nere e dei popoli indigeni. I settori oppressi e i loro movimenti dovranno organizzarsi per difendere i loro diritti sia che abbiano eletto un nemico dichiarato (Bolsonaro) o un nemico mascherato (Lula).

Voi che siete stati in Ucraina assieme ai compagni della rete International Labour Solidarity, che posizione hanno i due candidati rispetto alla guerra in Ucraina e come pensano di risolvere il problema del caro vita influenzato dall’aumento dei prezzi dell’energia?

Bolsonaro e Lula hanno una posizione simile: in pratica difendono Putin contro l’Ucraina. Bolsonaro ha visitato Putin alla vigilia dell’invasione dell’Ucraina e ha dichiarato il suo sostegno alla Russia. All’ONU, il Brasile si oppone a qualsiasi sanzione contro la Russia. Lula ha rilasciato una lunga intervista alla rivista americana TIME in cui incolpa Putin e Zelensky per la guerra e fa dure critiche a Zelensky. Lula non ha mai criticato Bolsonaro per la posizione del Brasile alle Nazioni Unite. Per quanto riguarda i prezzi dell’energia, Bolsonaro sostiene la riduzione delle tasse statali sul petrolio mentre Lula sostiene la riduzione dei profitti miliardari della compagnia petrolifera statale Petrobras. Il costo dell’elettricità per le case è alto, ma non è cambiato con la guerra. La maggior parte dell’elettricità è generata da grandi centrali idroelettriche nazionali e binazionali.

Foto di copertina: CSP-Conlutas