Grafica Veneta – una storia di sfruttamento, bugie e odio razziale

Fabio Franceschi si è finalmente mostrato per quello che è: un padrone bugiardo e razzista. Abbiamo tutti letto le aberranti dichiarazioni apparse su quotidiani come Il Gazzettino, Libero e la Stampa nei quali dopo il patteggiamento dei due suoi manager per le vicende legate al caporalato all’interno di Grafica Veneta

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continua a leggere

Altro che estranei ai fatti contestati!!! Bertan e Pinton rei confessi

Qualora vengano confermate le notizie apparse sui quotidiani di domenica 29 agosto dalle quali emerge che l’Avv. Pinelli avrebbe scelto come linea di difesa quella di procedere per i suoi assistiti con l’istituto del “patteggiamento” ciò significa che Bertan e Pinton riconoscerebbero le loro responsabilità in base ai fatti contestati,

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continua a leggere

Appello agli editori, agli scrittori, ai librai e… ai lettori: Grafica Veneta: lo sdegno non basta, occorre schierarsi a fianco dei lavoratori vittime di caporalato di Massimo Carlotto

Appello agli editori, agli scrittori, AI librai e… ai lettori: Grafica Veneta: lo sdegno non basta, occorre schierarsi a fianco dei lavoratori vittime di caporalato. Condividi         

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continua a leggere

Siamo lavoratori, non schiavi. Considerazioni di un lavoratore stagionale sul Reddito di Cittadinanza

Gentilissimo Bonaccini, Sono un residente della regione da lei presieduta e sono rimasto, onestamente, disgustato dalle parole pronunciate nell’intervento alla Bologna Business School. Le riporto:”Essendo andati via per la gran parte i lavoratori stranieri, oggi le aziende agricole ci chiedono come trovare lavoratori che vadano a raccogliere la frutta e

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continua a leggere

Perchè siamo contro la proposta di Bonaccini

Restituzione. Bonaccini ripropone questo concetto: chi è in difficoltà e per questo esercita il diritto ad essere sostenuto (in questo caso dal Reddito di cittadinanza) è “in debito” e dunque deve prima o dopo “restituire”; il pericoloso presupposto: “chi non ce la fa da solo/a” è colpevole di un qualche

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continua a leggere

Sulle dichiarazioni di Bonaccini sul reddito di cittadinanza e il lavoro in agricoltura

Contro il #caporalato ed il Covid-19 servono garanzie di sicurezza, diritti e #reddito, non mandare le persone a lavorare senza tutele! “Essendo andati via per la gran parte i lavoratori stranieri, chi prende il Reddito di cittadinanza può cominciare ad andare a raccogliere la frutta e la verdura nei campi

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continua a leggere