Mestre – Prima vittoria delle lavoratrici Novotel. La lotta paga

Venerdì 03 Novembre 2017 i Lavoratori dell’Hotel Novotel di Mestre alle dipendenze della società Velox Hotellerie, hanno scioperato compatti per richiedere il rispetto dei loro diritti. L’adesione è stata totale, nessuna cameriera ai piani ha lavorato, addirittura al presidio sotto l’Hotel hanno voluto partecipare le lavoratrici che oggi erano a riposo.

E’ questa la migliore dimostrazione di quanto sfruttamento ed ingiustizia devono subire le donne che lavorano nel turismo.

E dopo tre ore di sciopero, con l’Hotel completamente bloccato, la Velox è dovuta precipitosamente ritornare sui suoi passi e revocare la lettera di trasferimento che era stata inviata per ritorsione perché il medico del lavoro l’aveva giudicata idonea “con prescrizioni”.

Ormai siamo a questi livelli: una lavoratrice per 10 anni fa i carichi che dovrebbe fare un facchino, e quando si è spaccata la schiena per bene, l’azienda di trasferisce, per punirti, pronta per essere licenziata!

E questa è solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso e che ha provocato la risposta compatta di oggi.

Da tempo ormai le lavoratrici del Turismo, nella stragrande maggioranza donne, insieme con ADL COBAS hanno iniziato a denunciare il sistema che vige negli alberghi veneziani in cui le cameriere sono assunte sempre con il sistema infernale degli appalti:
Fine del pagamento “a cottimo”, cioè 20 minuti a camera, a prescindere dal tempo effettivo di lavoro;
Fine delle diseguaglianze prodotte dall’applicazione Contratto Nazionale delle Pulizie, e non quello del Turismo;
Fine delle prepotenze e delle discriminazioni.

Oggi è stato fatto un grande passo, dando un segnale a tutti gli speculatori sulla pelle di chi lavora negli alberghi. Dobbiamo riaffermare la dignità dei lavoratori in tutti i posti di lavoro!
BASTA CON L’ARROGANZA E LE RITORSIONI DI VELOX
BASTA CON LO SFRUTTAMENTO SELVAGGIO
NEL SETTORE TURISTICO!

Lavoratrici Velox Hotellerie Novotel
ADL COBAS

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •