LA MORTE DI TSHARET SECU E’ UN OMICIDIO SUL LAVORO UNA TRAGEDIA ANNUNCIATA! PRESIDIO DAVANTI A L POLO AGROLOGIC A MONSELICE

LA MORTE DI TSHARET SECU E’ UN OMICIDIO SUL LAVORO UNA TRAGEDIA ANNUNCIATA! PRESIDIO DAVANTI A L POLO AGROLOGIC A MONSELICE

Nella giornata di lunedì 21 dicembre è morto, dopo una settimana di agonia, TSHARET SECU, investito da un’auto mentre stava tornando dal magazzino Aspiag/Despar di Monselice in bicicletta alle 4 del mattino nei pressi di Battaglia Terme. Non si tratta di una morte accidentale ma di un omicidio sul lavoro frutto di scelte imprenditoriali che mettono all’ultimo posto salute e diritti dei lavoratori.
La costruzione del polo logistico Agrologic di proprietà di ASPIAG Service SRL, oltre ad avere portato un ulteriore colpo alla già precaria situazione ambientale della bassa padovana (180.000 mq di cemento su un’area occupata di 300.000) su una zona agricola, più un inquinamento enorme dovuto alla circolazione di migliaia di camion), con l’inizio delle attività di logistica ha fatto emergere con estrema chiarezza come, per Aspiag e per chi ha concesso le autorizzazioni, ciò che conta sono solo ed esclusivamente i profitti, mentre sul come vengono piegate le vite delle persone alle necessità della movimentazione delle merci, non conta nulla, tanto più se a subire gli effetti di tutto ciò sono migranti. Secu, assunto da una agenzia di lavoro interinale, Ova Work, con sede legale a Bucarest, da settembre del 2021, con un contratto di lavoro a tempo determinato e part time al 60 %, già alla quinta proroga, è morto per questi motivi. Per poter avere un permesso di soggiorno, per poter vivere, ha dovuto accettare qualsiasi condizione, dovendo spostarsi in bici da Battaglia Terme a qualsiasi ora del giorno o della notte e con qualsiasi condizione climatica.
Esattamente un anno fa, proprio davanti al polo logistico di Agrologic, di proprietà di Aspiag/Despar, avevamo denunciato, oltre alle condizioni di lavoro interne al magazzino, il problema legato alla viabilità, perché era una questione più che evidente.
Alcuni lavoratori avevano denunciato da tempo di aver subito infortuni “in itinere” perché costretti a raggiungere il magazzino con monopattini e biciclette, a qualsiasi ora del giorno e della notte, sei giorni su sette, con qualsiasi condizione atmosferica, in una strada altamente trafficata, soprattutto dai mezzi pesanti.
Già dai primi incontri con Mag Servizi e Aspiag avevamo chiesto che venissero fatti investimenti per poter permettere ai lavoratori di raggiungere il posto di lavoro in sicurezza, per esempio, che in attesa dei mezzi pubblici le aziende fornissero loro stesse dei bus navetta. Avevamo chiesto anche in tal senso che i turni di lavoro tenessero conto delle esigenze dei lavoratori, perchè era risaputo che la zona non fosse servita e che, come era ben noto soprattutto alla Mag Servizi, i dipendenti, non essendoci disponibilità di case nelle vicinanze, le avevano trovate in altri comuni o addirittura a Padova.
Non solo le nostre richieste sono rimaste inascoltate, perché è stato evidente fin da subito che le Aziende sono interessate più al profitto che alle condizioni di vita dei lavoratori ed è in funzione di questo obiettivo che Aspiag e Mag Service hanno fatto e stanno facendo di tutto per eliminare la presenza di Adl Cobas da Aspiag.
Aspiag ha investito 280 MILIONI di euro per la costruzione di questo mostro di cemento, e ancora ne sta spendendo perché l’impianto di domotica, celebrato sui media locali come grande investimento innovativo, da tre anni non è ancora in grado di funzionare, tanto da costringere l’azienda a riaprire il magazzino ortofrutta di Padova pagando l’affitto ad Interporto.
Nessun euro però è stato speso per la sicurezza dei lavoratori, anzi Despar e Mag servizi hanno cercato di risparmiare anche sulla forza lavoro, dato che la maggior parte dei lavoratori sono precari, assunti tramite Agenzie Interinali, pagati con il minimo sindacale, con contratti a termine, rinnovati di mese in mese, e molto spesso sono ex richiedenti asilo, soggetti più fragili e facilmente ricattabili perché disposti a qualsiasi cosa pur di avere un lavoro per poter avere un permesso di soggiorno, come nel caso del povero Secu. Come nessun euro è stato speso a favore degli abitanti vicini all’impianto, ai quali avevano garantito la costruzione di barriere fonoassorbenti, per limitare l’inquinamento acustico provocato dai camion che entrano a qualsiasi ora del giorno e della notte.

I responsabili di questo omicidio sul lavoro, perché di questo si tratta, sono in primo luogo Aspiag , enti pubblici e Comuni che, succubi del potere della Grande Distribuzione, permettono a queste grandi aziende di costruire e devastare il territorio, senza mettere in conto le conseguenze che queste scelte comportano, sia dal punto di vista umano che da quello ambientale, favorendo solo gli interessi e i profitti a discapito dei diritti che vengono sistematicamente calpestati.

PER DENUNCIARE LE GRAVI RESPONSABILITA’ DI CHI HA CONCEPITO E REALIZZATO UN’OPERA DI QUESTO TIPO; PER RICORDARE CON LA LOTTA IL POVERO SECU COSTRINGENDO ASPIAG E I COMUNI INTERESSATI AD INTERVENIRE PERCHE’ NON VI SIANO ALTRI OMICIDI BIANCHI; PERCHÉ LA VITA DELLE PERSONE DEVE VALERE PIU’ DEL PROFITTO E DELLA MERCE

INVITIAMO
LAVORATORI E LAVORATRICI, ASSOCIAZIONI
AMBIENTALI E ABITANTI DEL TERRITORIO A PARTECIPARE

MERCOLEDÌ 28 DICEMBRE ALLE ORE 12

AL PRESIDIO CHE SI TERRÀ DI FRONTE
AD AGROLOGIC A MONSELICE
Str. Rovigana, 58