Cooperative sociali – Perchè dire no? RICONOSCIMENTO DI ORE PER ATTIVITÀ NON FRONTALI

Cosa Cambia con la Preintesa del CCNL Cooperative Sociali?
► Viene riconosciuto un impegno orario tra il 2% e il 6% dell’orario di lavoro agli educatori dell’infanzia,di istruzione e della continuità educativa nella fascia di età 0-6. la definizione dell’esatta percentuale viene rinviata alla contrattazione di secondo livello.

► ESEMPIO: sei un educatrice\ore nei servizi per la fascia di età 0-6 e hai un orario di lavoro di 30 ore settimanali
▪️Con la preintesa avresti diritto al riconoscimento delle attività non frontali per un tempo compreso tra 30 minuti e 1 ora e 30 minuti circa alla settimana, con la definizione precisa decisa dalla contrattazione di secondo livello
► ESEMPIO: sei un educatrice\ore nei servizi di integrazione e assistenza educativa scolastica per la fascia di età superiore ai 6 anni
▪️ non hai riconoscimento di ore per attività non frontali.

PERCHè DICIAMO NO A QUESTO RINNOVO?

► Perchè cosi resterebbero escluse\i tutte le educatrici e gli educatori che operano in servizi scolastici nella fascia di età superiore ai 6 anni, come ad esempio scuole elementari, scuole medie inferiori e superiori
► Perchè non è assolutamente sufficiente la quantificazione delle ore per attività non frontali che sono parte consistente e fondamentale in tutti i servizi di integrazione e assistenza educativa scolastica.

COSA CHIEDIAMO?

☑ Riconoscimento a operatrici/ori dei servizi all’infanzia e ai servizi di integrazione e assistenza educativa scolastica di ogni grado viene riconosciuto un impegno orario non inferiore al 10% dell’orario di lavoro e la definizione dell’esatta percentuale viene rinviata alla contrattazione di secondo livello.

#unaltrocontrattoèpossibile

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •