“Dovete darci il denaro”: mobilitazioni presso le sedi INPS

Nella giornata di venerdì 15 Maggio, individuata dalla campagna Reddito di quarantena per rilanciare la lotta per un reddito di base e un welfare veramente universalistici, come ADL Cobas ci siamo mobiliati in numerose città affianco a lavoratori e lavoratrici, cassaintegrati/e, precari-e e intermittenti dei settori più colpiti dalla crisi,

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continua a leggere

Bonus “ULTIMA ISTANZA”. Ennesima misura-toppa per intermittenti, autonomi occasionali e stagionali

Lo scorso 10 Maggio è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto 10 del 04/05/2020, del ministero del Lavoro e del ministero dell’Economia. Tale decreto va ad agire su quello che è l’articolo 44 della legge Cura Italia, ovvero il “Fondo per il reddito di ultima istanza a favore dei

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continua a leggere

Siamo lavoratori, non schiavi. Considerazioni di un lavoratore stagionale sul Reddito di Cittadinanza

Gentilissimo Bonaccini, Sono un residente della regione da lei presieduta e sono rimasto, onestamente, disgustato dalle parole pronunciate nell’intervento alla Bologna Business School. Le riporto:”Essendo andati via per la gran parte i lavoratori stranieri, oggi le aziende agricole ci chiedono come trovare lavoratori che vadano a raccogliere la frutta e

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continua a leggere

NIENTE DA RESTITUIRE. Un reddito universale e incondizionato da conquistare

_ In questi giorni parte del dibattito politico si è concentrato intorno alle recenti dichiarazioni del Presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, secondo il quale [“chi prende il Reddito di Cittadinanza può cominciare ad andare a lavorare lì nei campi] così restituisce un po’ quello che prende” . Un’ipotesi questa

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continua a leggere

Perchè siamo contro la proposta di Bonaccini

Restituzione. Bonaccini ripropone questo concetto: chi è in difficoltà e per questo esercita il diritto ad essere sostenuto (in questo caso dal Reddito di cittadinanza) è “in debito” e dunque deve prima o dopo “restituire”; il pericoloso presupposto: “chi non ce la fa da solo/a” è colpevole di un qualche

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continua a leggere

Sulle dichiarazioni di Bonaccini sul reddito di cittadinanza e il lavoro in agricoltura

Contro il #caporalato ed il Covid-19 servono garanzie di sicurezza, diritti e #reddito, non mandare le persone a lavorare senza tutele! “Essendo andati via per la gran parte i lavoratori stranieri, chi prende il Reddito di cittadinanza può cominciare ad andare a raccogliere la frutta e la verdura nei campi

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continua a leggere