Pam – Siglato l’accordo in Provincia per i lavoratori esclusi da soci

SIGLATO IN PROVINCIA L’ACCORDO CON ELLEMME/INTEROPORTO RIPRISTINO DEL RAPPORTO DI LAVORO O POSSIBILITA’ DI USUFRUIRE DI UN CONGRUO INCENTIVO ALL’ESODO, CANCELLAZIONE DELLA POSSIBILITA’ DI USARE L’ESCLUSIONE DA SOCIO PER LICENZIARE I LAVORATORI. CANCELLATA LA RICHIESTA DI RISARCIMENTO DEI DANNI. In data 13 dicembre 2016, nella sede della Provincia di Padova,

Continua a leggere

Solidarietà con Abdin Parbes e gli altri 7 lavoratori sospesi dalla coop ELLEMME

L’esclusione da socio di Adbin Parbes e la sospensione da socio di altri 7 lavoratori sono dei licenziamenti mascherati, queste modalità di operare delle cooperative sono lo strumento di ricatto attraverso il quale yengono soggiogati i soci lavoratori: se qualcuno alza la testa per rivendicare i propri diritti viene messo

Continua a leggere

Padova – I lavoratori del PAM sul tetto di Interporto

Questa mattina una nuova iniziativa dei lavoratori licenziati dalla cooperativa ELLEMME e che lavorano per il PAM, all’interno dell’Interporto di Padova. 5 lavoratori sono saliti sul tetto degli ex Magazzini generali, calando degli striscioni e spiegando a tutti le motivazioni della protesta. Nello stesso momento gli altri colleghi, sia licenziati

Continua a leggere

Padova – Ancora esclusioni da socio al PAM

ESCLUSI DA SOCI ALTRI 7 LAVORATORI E QUINDI LICENZIATI AL MAGAZZINO PAM DI PADOVA GRAVISSIMA RAPPRESAGLIA DI INTERPORTO/ELLEMME/LEGACOOP CONTRO I LAVORATORI ISCRITTI AD ADLCOBAS Dopo il primo provvedimento di esclusione da socio per un lavoratore iscritto ad Adl Cobas (su circa una quarantina di lavoratori come Adl Cobas abbiamo 26

Continua a leggere

Padova – No a tutti i licenziamenti e all’ esclusione da socio! Vogliamo essere tutti dipendenti!

Parbes, lavoratore di Ellemme Soc. Coop. all’interno del magazzino Pam, è stato licenziato “attraverso” lo strumento subdolo dell’esclusione da socio. Si tratta di una vera e propria rappresaglia antisindacale contro un lavoratore da anni impiegato presso quel magazzino che insieme ai suoi colleghi ha voluto semplicemente rivendicare condizioni migliori. L’attacco

Continua a leggere