Contro licenziamenti e macelleria sociale l’intero sindacalismo di base si unisce e proclama uno sciopero generale dei settori privati e pubblici su tutto il territorio nazionale per l’intera giornata del 18/10/2021 Comunicato delle organizzazioni firmatarie

I licenziamenti alla Gianetti Ruote, alla GKN e alla Whirpool, si aggiungono alle migliaia avviati in piccole aziende che non arrivano alla cronaca nazionale e vanno a ingrossare gli oltre 900 mila lavoratori e lavoratrici licenziati nel corso di questi ultimi mesi. Lo sblocco dei licenziamenti sottoscritto con la complicità

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continua a leggere

Mobilitiamoci contro il G20 delle banche e della finanza a Venezia Appuntamento alle 14.30 alle Zattere

Dal 7 all’11 luglio a Venezia si terrà il meeting dei 20 ministri della finanza e delle banche dei 20 paesi più ricchi ed industrializzati. E’ evidente come il mondo finanziario risulti determinante in tutte le politiche che riguardano la vita delle lavoratrici e dei lavoratori, le fasce più deboli

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continua a leggere

Salario minimo orario e la condizione retributiva nell’attuale mercato del lavoro precarizzato. Scheda di ADLcobas

Note preliminari 1. Nel luglio 2019 l’allora Ministro del Lavoro del Governo giallo-verde Luigi Di Maio annunciava come imminente una legge che avrebbe istituito anche in Italia come in gran parte dell’Europa il salario minimo orario: “se hai un lavoro” dichiarava “non puoi prendere meno di 9 euro lordi all’ora”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continua a leggere

Nel Recovery zero case popolari: 2,8 miliardi vanno all’housing sociale. Che piace alle fondazioni ma in 12 anni ha creato solo 9mila alloggi Articolo di Francesco Floris tratto da Il Fatto Quotidiano del 24 maggio 2021

Nonostante le 650mila famiglie in lista per un alloggio pubblico, il governo punta sull’edilizia privata sociale. Quella dedicata alla “zona grigia” degli inquilini, cioè chi è troppo benestante per le case popolari ma non abbastanza per il mercato privato. I criteri di reddito spesso escludono chi è davvero in situazioni

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continua a leggere